Widget Image
Subscribe to newsletter

Se fino ad oggi credevate che per fare attività fisica ci volessero minimo 60 minuti, ora non avete più scuse per rimandare una bella e sana passeggiata tra un appuntamento di lavoro e l’altro. Una recente ricerca ha dimostrato come dieci minuti di attività fisica possano aiutarci a migliorare notevolmente la nostra memoria.
Lo studio condotto dall’Università della California di Irvine e dell’Università di Tsukuba, ha dimostrato che qualunque sport si pratichi, le conseguenze vanno direttamente a migliorare le capacità del cervello umano.
Come primo esperimento, i ricercatori hanno raggruppato un gruppo di 20 volontari e hanno sperimentato le loro abilità di memoria confrontando i risultati ottenuti prima e dopo un allenamento leggero di 10 minuti. L’esito ha constatato un netto miglioramento delle prestazioni dopo quel breve intervallo di attività fisica.
Per ottenere un risultato più accurato, i ricercatori hanno chiesto ad altri 16 volontari di svolgere il medesimo esperimento per poi sottoporsi a una risonanza magnetica. Il risultato è stato il seguente: la connettività tra il giro dentato, regione dell’ippocampo, importante nella formazione dei ricordi, e diverse aree della corteccia hanno il compito di ordinare le memorie passate e tenerle distinte da ricordi simili è risultata subito migliorata.
In conclusione, l’esperimento ha mostrato che anche con un semplice sforzo simile ad una passeggiata o qualcosa di simile, può aiutare il cervello a restare in salute. Se si avranno ulteriori conferme nelle prossime ricerche e soprattutto su soggetti più anziani, potrebbe essere una scoperta che indicherebbe un’ulteriore strada per fermare il declino cognitivo dovuto all’età.