Widget Image
Subscribe to newsletter

Associazione CasaOz Onlus

Corso Moncalieri 262 – 10133 Torino

Associazione CasaOz Onlus

Corso Moncalieri 262 – 10133 Torino

L’arteterapia è una modalità terapeutica multidisciplinare volta al benessere della persona in senso lato. Ciò che la contraddistingue è l’utilizzo delle espressioni artistiche come medium per trovare nuove vie di comunicazione. Il linguaggio prevalentemente visivo, analogico, tipico dell’arteterapia permette, infatti, al soggetto l’accesso a contenuti inconsci e modalità di relazione inespresse. Il potenziale terapeutico dell’arte è noto all’uomo fin dall’antichità, basti pensare alle danze guaritrici degli sciamani o al potere catartico attribuito al teatro dal filosofo greco Aristotele. Negli anni Cinquanta l’arteterapia assurge a disciplina medica sia individuale sia di gruppo. Contributi fondamentali in tal senso giungono dalla ricerca teorica ed esperienziale di Margaret Naumburg e Edith Kramer. Se la Naumburg ha un approccio simile a quello freudiano che individua nell’arte uno strumento più diagnostico che terapeutico, è con l’opera e la ricerca della Kramer che l’espressione artistica è vista come mezzo di risoluzione dei conflitti. L’atto creativo diviene una zona franca in cui è possibile non solo la comunicazione, ma anche il cambiamento.

Freud, fondatore della psicoanalisi, vede l’arte come forma di accesso privilegiata verso l’inconscio.

L’arteterapia può svolgere un ruolo importante non solo nella cura e nella riabilitazione, ma anche nella prevenzione intesa come educazione alla consapevolezza e accettazione di sé. Il lavoro dell’arteterapista si rivolge dunque non solo a persone affette da patologie nevrotiche o disturbi della comunicazione, ma anche ad adolescenti in difficoltà, soggetti inclini all’abuso di sostanze e alla depressione. Numerosi studi evidenziano inoltre come anche nello sviluppo cognitivo, sociale ed emotivo del bambino in generale, le arti permettano l’acquisizione di competenze e capacità utili alla socializzazione e realizzazione del soggetto. In particolar modo il disegno in arteterapia ha una triplice valenza: ludica, narrativa e conoscitiva. Il soggetto creando si diverte, si racconta e si scopre come possibile altro da sé. La polivalenza dell’arteterapia permette che questa trovi numerosi ambiti di applicazione.

Un felice esempio ne è CasaOZ, un’ONLUS torinese, una vera e propria “rete curante” che offre assistenza alle famiglie che affrontano la malattia, prendendosi cura di ogni ospite in modo multidisciplinare per ricreare quella normalità sociale che è andata persa nella ricerca della guarigione. Una casa a tutti gli effetti, allegra e colorata, che accoglie chiunque entri come uno di famiglia. L’atelier di arteterapia a CasaOz si svolge settimanalmente in una stanza ampia e luminosa, dove viene allestito un setting di volta in volta diverso e il piu’ possibile funzionale all’attività che si andrà a svolgere. I partecipanti sono circa una dozzina, con un’età variabile dai tre ai sedici anni, con disabilità fisiche o affetti da diversi tipi di sindromi e disturbi comportamentali ed emozionali. L’arteterapia li conduce in un mondo di colori e creatività