Widget Image
Subscribe to newsletter

Scopri tutti i modelli

Cingomma

Tutta la verità, nient’altro che la verità: la tua, la mia. Per riconoscerla basta indossarla. Questione di battistrada, e ti dirò chi sei: quanti chilometri ha percorso la tua anima, e in quanti altri viaggi è pronta a tuffarsi. Sono pensieri lunghi, ma ad evocarli basta una striscia di un metro e mezzo al massimo, giusto la circonferenza del chakra più sacro, quello della libertà, che avvolge i fianchi come una cintura. L’importante è che la cintura sia marcata Cingomma, cioè fabbricata con vero pneumatico di bicicletta. E’ l’invenzione di un eterno ragazzo di Torino, che non ha mai smesso di viaggiare con il cuore. Si chiama Maurizio Sacco, e viene da un background profondamente artigianale, artistico, che profuma di fiori e strabilianti creazioni in cera. Ora è entrato nell’era della gomma, quella dei piccoli pneumatici che tornano in vita dopo aver portato a spasso emozioni, su due ruote, senza inquinare il mondo. Gomme che si sottraggono al triste destino dei rifiuti, e diventano design, fashion, preziosi accessori di abbigliamento: “tatuaggi” esclusivi, da portare su di sé.

 

Le cinture Cingomma, presenti nei migliori negozi, sono prodotte in modo etico, da una micro-filiera artigiana, e continuano a fare strada eticamente: una quota dei proventi alimenta infatti il paniere delle “Positive Causes”, destinato a finanziare iniziative eco-solidali, inclusa la promozione del bike sharing. Fanno parte di un’operazione-verità che mette insieme etica ed estetica, bellezza e pensiero, fascino e responsabilità sociale. Colpisce al cuore la loro identità di pezzi unici, originali come opere d’arte – ciascuno numerato, con il codice del pneumatico di provenienza. E l’usura dei chilometri percorsi rappresenta una sfida, un invito sincero a guardarsi dentro, a riscoprire la bellezza irripetibile della propria storia.

 

Tutta la verità delle cinture Cingomma, pezzi unici fatti con veri pneumatici (usati) di bicicletta