Widget Image
Subscribe to newsletter

Barlassina Country Club

Barlassina Country Club

A soli 20 km da Milano, nel Parco delle Groane, si trova il Barlassina Golf Country Club, nato nel 1958 dall’unione di ventotto amici della borghesia imprenditoriale milanese, e il cui percorso fu disegnato nel 1956 da John S.S. Morrison.

“È una questione di atmosfera, quella che rende Barlassina un Circolo unico

Le 18 buche si estendono lungo una rigogliosa vegetazione, circondate da uno splendido bosco con piante secolari. Praticamente privo di ostacoli d’acqua, le principali difficoltà del percorso sono create dai bunker che circondano ogni Green e dagli alberi. E sono proprio questi ultimi la difficoltà principale del tracciato: non c’è buca dove questi non siano presenti andando a rendere il percorso stretto e insidioso. E’ un campo tecnico con Green piccoli nelle buche corte e Green grandi nelle buche più lunghe. Particolare è l’atmosfera che circonda il circolo: da vecchio club inglese. Tra le prime e le seconde nove buche, all’interno della Club House, si trova anche la bouvette che ristora i giocatori a metà percorso, dove potrete degustare panini, bibite, frutta ma anche piatti preparati al momento.

Nel club si trova la Guest House, dove sono state costruite direttamente sul bellissimo campo da golf Barlassina sette spaziose stanze, di charme e arredate con gusto. Alcune camere hanno vista sul campo da golf e sulla piscina, mentre altre vantano una vista sul bosco. Accanto all’edificio, in un ambiente romantico, troverete una grande piscina per l’uso degli ospiti, 33 metri di lunghezza con una zona ad acqua bassa dedicata ai bambini. Imponente il monumentale faggio pendulo che con i suoi rami sfiora l’acqua. Dopo una piacevole gita di golf, è un must la visita al ristorante, dove una sala caratterizzata dall’enorme camino con finestroni e terrazza si affaccia sul percorso.

Nel 1960 Barlassina fu scelto dal regista Michelangelo Antonioni, per le scene di danza del film “The Night” con Marcello Mastroianni e Jeanne Moreau.